Come vendere le tue cavolate online

Troppi negozi online vendono cavolate. Troppi negozi scrausi cercano di vendere prodotti, ma carrelli vengono abbandonati e i marketer non capiscono il perché.

How to sell your crap online

Pagine che caricano velocemente

Continuando con i miei consigli su come vendere le tue cavolate online, pagine che caricano velocemente sono obbligatorie per ogni negozio online. Non puoi pretendere che la gente stia lì ad aspettare mentre le tue pagine si caricano mentre stanno cercando di guardare il tuo inventario, ottenere informazioni velocemente o acquistare un prodotto al volo.

Verifica le tue immagini, carica solo elementi che sono assolutamente necessari, e per carità, non aggiungere musica di sottofondo al tuo sito, pensando che stai creando un’atmosfera per i tuoi utenti. La spegneranno comunque. Cioè, se hai messo a loro disposizione un bottone “spegni”.

La soluzione: Verifica che il nerd che ti sta costruendo il sito sappia la sua roba, e non stia facendo copia-incolla ciecamente di pezzi di codice, o stia riempendo il tuo sito con dei plugin per mettere toppe a problemi facilmente risolvibili.

L’esperienza dell’utente

Non so esprimere adeguatamente quanto sia importante questa parte. Stiamo parlando della differenza tra visitare un sito una volta e andare su un altro sito, contro diventare un visitatore che torna e converta in un cliente che torna: un brand advocate.

interstitial ads examples
Nobody really likes popups, so just don’t.

Popups che richiedono agli utenti di iscriversi o fare like sulla tua pagina Facebook sono esattamente le cose che ti faranno chiudere la finestra di navigazione. Così come troppe pubblicità, o pubblicità interstitial, che sono diventate una piaga delle pubblicità online, anche secondo a Google.

La soluzione: Verifica che il tuo sito faccia esattamente quello che deve fare, e che proponga ai tuoi utenti le info e i prodotti che loro vogliono. Proponi loro di iscriversi alla tua newsletter o seguire i tuoi social media durante o dopo la fase di acquisizione. Prova a suggerirlo come modo per tenersi aggiornati su offerte e vendite. Frase chiave: dare per ricevere.

Ricordati che il tuo sito non è fatto per te

Ripeto questa frase così tante volte, quando insegno web design, che la gente comincia a rispondermi con frasi tipo “sì, ma il mio cliente è quello che paga” e roba del genere.

L’utente finale è l’elemento più importante per il tuo sito, e dovresti fare salti mortali per farlo star bene e divertirsi con la sua esperienza sul tuo sito, se vuoi vendere le tue cavolate online.

Un cliente felice non solo torna ripetutamente quando ha bisogno, ma potrebbe dirlo ai suoi amici, producendo pubblicità gratuita per il tuo negozio online super fantastico.

Questi sono gli elementi più importanti

Troppi negozio online che vendono cavolate, o negozi scrausi che vendono buoni prodotti, sbaglieranno alcuni, se non tutti questi punti. Cerca di non farlo, se vuoi vendere online.

  • Assicurati che il tuo sito sia mobile friendly secondo Google. Fidati di loro, sanno di cosa parlano.
  • Verifica che il tuo sito si carichi velocemente, o sarà abbandonato velocemente.
  • Il tuo sito deve servire il tuo utente finale, non te. Controlla il tuo UX e testa, testa, testa.

Hai delle idee fantastiche per il negozio online da condividere con noi nei commenti? Prego!

Contattami se vuoi che dia un’occhiata sul tuo sito e ti dirò perché non converte.

How to sell your crap online

Autore: Shay Stibelman

Digital marketing consultant in Milan, Italy. Born in Israel, raised in Germany by Russian parents. I help small and medium businesses get their digital marketing game on point. Perfect their website, landing pages, funnel marketing and social media strategies, in order to increase ROI and optimize that ever elusive marketing budget.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.