Lo stato del SEO locale – edizione 2017

Il SEO locale è un mistero per tanti, siccome richiede degli strumenti e codice specifici di cui l’uomo medio non ha mai sentito, finché non legge questo.

The state of local SEO - 2017 edition

Ommiodio c’è altra roba  SEO da fare per comparire nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google!?

C’è sempre qualcosa da fare quando di tratta di SEO. Il SEO locale è qualcosa di cui devi preoccuparti solo se sei un’attività locale, però.

SEO non è più soltanto per internet

Se hai letto il mio articolo passato su lo stato di SEO in 2017 potresti pensare che SEO è solo per siti che cercano di aumentare il numero di visitatori. Ma questo non è necessariamente il caso. Infatti, Google ci dice che ormai più di metà delle ricerche fatte sulla loro piattaforma sono eseguite da un dispositivo mobile, probabilmente da gente per strada verso il negozio.

Tuffiamoci direttamente dentro il SEO locale con Google My Business

A meno che non sei interessato ad avere la tua attività rappresentata su Google, aprire un Google My Business è la tua prima priorità. Questo è dove inserisci delle informazioni sulla tua attività come foto, orari di apertura, indirizzo, telefono e sito web.
Segui le linee guida per verificare che stai compilando alla perfezione il tuo profilo.

Questo è anche dove la gente può lasciare recensioni e feedback, a cui puoi rispondere e interagire con i tuoi clienti.

Mentre avere l’informazione sulla tua attività è importante, avere delle recensioni è intelligente. Perché quando compari su una lista con altre attività, la gente di solito è attratta da quella che ha la maggior parte dei voti di 5 stelle..

Pro-tip: chiedi ai tuoi clienti di recensirti sulla tua patina Google My Business dandogli un QR code da scansionare per arrivare alla pagina per recensirti, oppure mandandogli un’email chiedendogli di investire 2 minuti di tempo per recensirti.

Proporre una percentuale di sconto è un ottimo incentivo per farglielo fare.

Usa Schema per avere la stessa informazione anche sul tuo sito web

Per quanto riguarda SEO locale On-Page, vorrai verificare che il tuo sito ha tutte le informazioni importanti sulla tua attività, e che li hai taggati correttamente in modo tale che i motori di ricerca capiscano queste informazioni al meglio.

Questo metodo di tagging si chiama Schema, che segue una lista molto specifica di elementi e regole, per creare uno standard universale.

Puoi mettere questa lista nel footer del tuo sito, così i tuoi visitatori avranno sempre queste info a mano. Altrimenti puoi creare una pagina di contatto dedicata.

La cosa importante è che queste informazioni vengano inserite nel tuo sito esattamente come lo standard richiede. Ovviamente c’è un secchione che ha già creato uno strumento automatizzato per aiutarti a farlo.

Trova i tuoi competitor e fai un po di benchmarking competitivo

Google My Business competitor list
Trova i tuoi competitor effettuando una ricerca della tua categoria di mercato

Niente di peggio che fare una ricerca della tua categoria di mercato e non trovare il tuo nome da nessuna parte.

Se ci sei, o no, fare una tale ricerca e verificare cosa stanno facendo i tuoi competitor per apparire nella lista dei risultati è sempre una buona pratica.

Dopo aver cercato ed ottenuto la lista dei risultati, segnati i tuoi competitor, visita i loro siti e verifica cosa hanno fatto per comparire nel risultato di ricerca, usando degli strumenti come SEMRush, ahrefsSimilarweb per capire cosa stanno facendo, cosa funziona per loro e cosa manca dalla tua strategia SEO locale.

 

 

 

Non ti dimenticare che non sei l’unico giocatore nel campo del SEO locale, quindi verifica che stai seguendo le regole, usando gli strumenti giusti, e che aggiungi le informazioni corrette per partecipare ed incrementare le tue probabilità di vincere [clienti].

The state of local SEO - 2017 edition
Local SEO is a mystery to many, since it requires specific tools and code that the everyday business owner might not even know about, until they read this.

Author: Shay Stibelman

Digital marketing consultant in Milan, Italy. Born in Israel, raised in Germany by Russian parents.

Leave a Reply