Cosa va messo in una landing page che converte?

Ah, la misteriosa landing page. Come creare una landing page di successo? Cosa ci va in una landing page e perché? Tutto questo dietro il click qui.

What goes into a converting landing page?

Che cos’è una landing page?

Partiamo dal presupposto che non vuoi che la gente cerchi le tue offerte sul tuo sito, ma preferisci che loro atterrino direttamente sulla pagina che spiega l’offerta, giusto?

Ok, grazie per l’introduzione veloce. Vediamo come sono fatte le landing page.

Una landing page di successo avrà come scopo quello di guidare i tuoi visitatori a fare una determinata azione e a seguire i passi giusti in modo tale da massimizzare la percentuale di conversione.

Lo fa mostrando al visitatore quello che vuole vedere, facendogli trovare facilmente la CTA, o come mi piace chiamarlo, il bottone “dammi i tuoi soldi”.

Quindi, dopo solo 4 frasi, abbiamo già visto due elementi importanti della landing page: i POI e la CTA.

Ecco uno sketch veloce di alignedpath.com che ci mostra quali sono gli elementi importanti di una landing page che converte.

landing page mockup
Un mockup di una landing page, grazie a alignedpath.com

La direzione

Se sei di un paese in cui si legge da sinistra verso destra, i tuoi occhi andranno automaticamente dall’alto a sinistra verso il basso a destra dello schermo quando guardi la pagina. Quindi, vorrai che gli elementi siano ordinati per importanza esattamente in questa direzione. Roba importante in alto a sinistra e in basso a destra. Roba meno importante in basso a sinistra e in alto a destra.

Viceversa, ovviamente se si tratta di un paese in cui si legge da destra verso sinistra.

La Testata

Vorrai includere parole chiavi importanti nella tua testata. È la prima cosa che l’utente vede. Trovarci le parole che lui stesso ha cercato prima lo rassicura e lo aiuta a “convertire”.

I POI

I POI, che sta per Punti di Interesse, sono normalmente video, slider o immagini che mostrano degli elementi importanti del tuo prodotto o servizio.

No, NON è qui che metti il tuo logo. Una landing page per la brand awareness è uno spreco di tempo assurdo.

Siccome un’immagine vale 60,000 parole, cerca di rendere il tuoi video, slider o immagini il più possibile attraenti e ricchi di informazioni.

Testimonianze

È più probabile che le persone credano ad un perfetto sconosciuto piuttosto che al  marketer stesso. Questo perché ci fidiamo di più degli altri clienti che del venditore che cerca di venderci qualcosa.

Avere un riscontro sociale, o semplicemente: una sezione “testimonianze”, sulla tua landing page, farà sì che le persone ricevano la conferma di cui hanno bisogno per fidarsi di più del venditore.

Il testo della CTA

Questa sezione ti permette finalmente di cercare di convincere il visitatore con parole tue. Cerca di usare ogni “trucchetto del libro” in modo tale da convincerli a cliccare sto benedetto bottone.

E finalmente, la CTA

La CTA, o Chiamata all’Azione è un bottone che rappresenta lo step finale della conversione sulla landing page. A questo punto l’utente sarà indirizzato al carrello, nel caso estremo, o a mandarti i suoi dati di contatto, nel caso più leggero.

Verifica che la tua CTA non dica qualcosa di vago come “clicca qui”, e prova qualcosa di più specifico come “iscriviti subito” o “acquista ora”.

Non ti dimenticare di fare degli A/B test per trovare la giusta combinazione per tutto questo.

What goes into a converting landing page?
Ah, the ever so mysterious landing page. How to create a successful landing page? What goes into a landing page, and why? All of this behind a click here.

Author: Shay Stibelman

Digital marketing consultant in Milan, Italy. Born in Israel, raised in Germany by Russian parents.

Leave a Reply